SEZIONE ARI CATANZARO


Vai ai contenuti

02 maggio 2010

Attivazione Castelli

2 maggio 2010 - Attivazione Castello dei Borgia in Squillace Catanzaro Ref. CZ 058


IQ8CZ/P - Gruppo attivazione

IK8WJP: Tommaso Provenzano (Manager attivazione)
IZ8GBO: Antonio Mancuso - Presidente sez. (Antenna ed organiz. logistica)
IZ8POX: Roberto Esposito (Supporto)
IZ8FWZ: Pasquale Curigliano (Supporto)
IK8ARF: Giovanni Fazio (Supporto)

IZ8SKG: Vittorio Iacopino (Supporto)
IK8XNN: Antonio Conca (Supporto)
IZ8KCN: Francesco Olivadese (Supporto)

Stazione

RIG: ICOM IC 7400
ANT: Dipolo rotativo 40mt marca ECO Antenne + antenna canna da pesca
Alimentazione: generatore 220V esterno Honda + alimentatore switch 25 Ampere
Potenza di uscita: 70w circa

Info generali

N. totale collegamenti effettuati: 104
Tempistica: 40 min circa
Freq. 7.082,00 Mhz
Meteo: eccellente giornata di sole: >20°C.


Ore 9.30 - Appena giunti nella piazza antistante il Castello scarichiamo tutto il materiale

Si inizia a montare le antenne. In questa situazione si opta per l'antenna a canna da pesca

Ultime sistemazioni e si procede con il collegare il piano di messa a terra.

Si prova l'installazione, ma l'antenna non va proprio bene. Troppe costruzioni intorno e troppo poca terra per rendere le prestazioni accettabili.

Decidiamo subito di cambiare postazione e si procede immediatamente a tutta fretta con lo smontare della stazione.

Ci spostiamo proprio sotto il Castello con la speranza che il dipolo rotativo funzioni meglio della verticale.

Qualche prova e tutto va per il meglio. Si parte con il pileup!

Foto ricordo, alla fine di una bella giornata, molto calda e soleggiata...

Alcune infomazioni storiche




XI sec. Il castello di Squillace, detto Stridula, fu costruito da Guglielmo D'Altavilla nel 1044, sfruttando i muri della fortezza bizantina, la quale, a sua volta, era stata costruita sui resti di un monastero. Infatti, fu dapprima una fortificazione bizantina, sorta sulle rovine del Monastero Castellense di Cassiodoro. Si presenta con mura in pietra, altissime, con un portale bugnato sovrastato dallo stemma marmoreo della famiglia Borgia. La sua architettura è discontinua e non segue precisi canoni, in virtù del fatto che lo stesso fu assoggettato a diversi rimaneggiamenti e ad aggiunte in epoche diverse. La facciata si presenta con due grossi torri, una cilindrica e l'altra poligonale. Le notizie storiche ci dicono che la fortificazione appartenne dapprima ai bizantini che vi costruirono il loro "Castrum", ultimo baluardo ad essere conquistato dagli Arabi. Nel 904 Squillace divenne una roccaforte musulmana e nella città si insedierà l'emiro Abstaele venuto dall'Africa. Rapine e saccheggi caratterizzarono la vita della roccaforte musulmana. Verso il 921 divenne emiro di Squillace Olkbeck che occupò il suo suo nido d'aquila, dove venne poi ucciso. Al suo posto siederà Saklab. Nel 982 Ottone di Sassonia sconfisse presso Squillace i bizantini, i quali avevano riconquistato il Castello nel 965. All'inizio dell'anno 1000 l'emiro Mihael mise a sacco Squillace. Nel 1044 Squillace venne conquistata dai Normanni e viene inserita tra le grandi contee feudali del Sud. Dalla cronaca di Lupo Protospatha si sa che Guglielmo Braccio di Ferro e Guaimaro V, principe di Salerno e , allora, sovrano feudale dei Normanni, si impadroniscono del Kastron di Squillace e sull'altura costruirono, la dove sorgeva la fortificazione Bizantina-araba, un grande e forte Castello che chiamarono Stridula ( per il fischio battente del vento sulle mura). Ruggero I d'Altavilla, detto il Normanno, soggiornò a Squillace, avviando per questa Città un vero periodo aureo, con la latinizzazione del culto e l'avvio di importanti opere. Fu questo il periodo in cui a Squillace hanno convissuto più lingue, più stirpi e diverse culture. La dinastia degli Altavilla, signori di Squillace per circa un secolo fu protagonista con Roberto Guiscardo, i Conti Ruggero, Eberardo, Guglielmo e Riccardo, ma anche con Adelaide, Elisabetta, Sichelgaita e Medania. Fu questa dinastia che riuscì ad abbattere l'ultima roccaforte bizantina di Squillace e ne soppiantò l'organizzazione, recidendo l'esperienza di rito greco-bizantino che per oltre tre secoli aveva caratterizzato la diocesi di Squillace e reintroducento in chiave politica e religiosa la latinizzazione dell'area scillacense. Il gran Conte Ruggero fu autore proprio in Squillace delle donazioni delle terre di Santo Stefano del Bosco al grande asceta San Bruno di Colonia: su queste terre il Santo fondò la grande Certosa di Calabria. L'incontro tra il gran Conte Ruggero e San Bruno avvenne il 29 luglio del 1098 proprio nel Castello di Squillace, presente anche il beato Lancino e l'ultimo Vescovo del rito greco-bizantino di Squillace, Teodoro Misimerio. Il 14 febbraio 1783 l'antico Castello, sotto l'impeto del grande terremoto di quei giorni, vede crollare con i suoi muri tante volte imbattibili l'impalcatura del vecchio mondo feudale e vede nascere, qui sotto una tenda, presagio e promessa di una era nuova che cominciava, il Padre della rivoluzione italiana, Guglielmo Pepe.





Sono le ore del giorno . L'ultimo aggiornamento su questo sito è avvenuto giorno 22 ott 2017.

Torna ai contenuti | Torna al menu